Skip to main content

17ott21:00Cori di Voci Bianche e Orchestre giovaniliDuomo di MonrealeDuomo di Monreale, Piazza Guglielmo II21:00

Dettagli evento

Massimo Youth Orchestra
Massimo Kids Orchestra

Michele De Luca
direttore
Giovanni Battista Vaglica
organista
Cantoria della Fondazione Teatro Massimo di Palermo
Giuseppe Ricotta
maestro della Cantoria della Fondazione Teatro Massimo di Palermo
Coro di Voci Bianche della Fondazione Teatro Massimo di Palermo
Salvatore Punturo maestro del coro
Coro di Voci Bianche della Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana
Riccardo Scilipoti maestro del coro

Coro di Voci Bianche della Fondazione Teatro Massimo di Palermo – Massimo Kids Orchestra

Simone Piraino
(Palermo 1985)
Unum Loquuntur Omnia – Tutta la realtà proclama una cosa sola (Orchestra) – prima esecuzione assoluta

Gabriel Fauré
(Pamiers 1845 – Parigi 1924)
Ave verum op. 65 (Coro di Voci Bianche, Organo e Orchestra)
Cantique de Jean Racine op. 11 (Coro di Voci Bianche e Organo)
Ave Maria op. 67 (Coro di Voci Bianche, Organo e Orchestra)
Maria, Mater Gratiae (Coro di Voci Bianche, Organo e Orchestra)

Coro di Voci Bianche della Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana – Massimo Kids Orchestra

Giuseppe Ricotta
(Palermo 1968)
Veni Sancte Spiritus (Coro di Voci Bianche, Organo e Orchestra)

Frode Fjellheim
(Mosjøen 1959)
Dona nobis pacem (Coro di Voci Bianche e Orchestra)

John Rutter
(Londra 1945)
What sweeter music
(Coro di Voci Bianche e Orchestra)

Coro di Voci Bianche della Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana – Massimo Youth Orchestra

Riccardo Scilipoti
(Messina 1972)
Gloria (Coro di Voci Bianche, Organo e Orchestra) – prima esecuzione assoluta

Marcel Dupré
(Rouen 1886 – Meudon 1971)
Cortège et Litanie op. 19, n. 2 per organo e orchestra

Cantoria della Fondazione Teatro Massimo di Palermo – Massimo Youth Orchestra

Giuseppe Ricotta
(Palermo 1968)
Contemporary Mass n. 1 Anima Mundi – prima esecuzione assoluta
1. Kyrie
2. Gloria
3. Sanctus
4. Benedictus
5. Agnus Dei
6. Lux Aeterna


 

La composizione di Simone Piraino, tratta dalla Missa Populi eseguita nella versione per coro e organo nel 2019 per il Festival InVisibilia di Palermo, parte da una frase dell’Imitazione di Cristo. Una semplice sequenza  accordale, metafora dello scorrere del tempo, si ripete e accoglie motivi tematici ora agli archi, ora ai legni, come circostanze della quotidianità.

Il minimalismo sacro, derivato dalla poetica di Pärt e Gorecki, nel finale si trasforma in moderno linguaggio cinematografico, a tratti epico, come in Max Richter, e sottolinea ciò che la realtà “tutto grida”.

Composto tra il 1864 e il 1865 da Fauré su un testo francese, Verbe égal au Très-Haut di Jean Racine, che, in realtà, è una traduzione dell’inno pseudo-ambrosiano Consors paterni luminis per i mattutini del venerdì, il Cantique de Jean Racine op. 11 si segnala per la trasparenza e l’equilibrio della scrittura corale, caratteristiche queste che informano anche i mottetti, Ave Maria n. 2 op. 67 (1895) e Ave Verum op. 65 (1894).

Eseguito per la prima volta per il festino di Palermo del 2019 dal Coro di Voci bianche e dalla Youth Orchestra del Teatro Massimo di Palermo, Veni Sancte Spiritus di Giuseppe Ricotta è un inno allo Spirito Santo che tocca le corde più intime della religiosità cristiana attraverso il suono angelico delle voci bianche accompagnate da un’orchestrazione ora intima e riflessiva ora a tratti potente e immaginifica.

Particolarmente suggestivo per la dolce scrittura melodica è Dona nobis pacem del compositore norvegese Frode Fjellheim, mentre What sweeter music di John Rutter, composto nel 1987 su testo di Robert Herrick, è un dolcissimo canto di Natale dalla straordinaria purezza melodica.

Composto in occasione di questa edizione 2023 della Settimana di Musica Sacra, il Gloria di Riccardo Scilipoti, che si segnala per una scrittura ambivalente, caratterizzata da un ritmo incalzante nella prima parte e da un morbido lirismo che informa la sezione centrale, si conclude con strutture ritmiche e nervose.

Dopo Cortège et Litanie op. 19, n. 2, brano dalla composta e sincera religiosità di Marcel Dupré, considerato il “Paganini dell’organo”, il concerto si conclude con Contemporary Mass n. 1 – Anima Mundi che nasce dal bisogno di Giuseppe Ricotta di omaggiare la spiritualità cristiana attraverso la forma antica della Messa in latino, della quale ricalca la forma ma non il linguaggio, facendone una versione contemporanea che prende a prestito spunti dal jazz, dalla musica latina, da quella fusion e dal pop, in una sovrapposizione di generi tenuti assieme mediante l’utilizzo degli artifici compositivi tipici del barocco (contrappunto, canone, imitazione, ecc…). Nei sei tempi che costituiscono la Contemporary Mass (Kyrie, Gloria, Sanctus, Benedictus, Lux Aeterna e Agnus Dei), si alternano solisti con diverse impostazioni vocali (jazz, pop e operistica), in un contrappunto di estetiche distanti tra loro ma che trovano la loro sintesi nella trama narrativa crossover, tipica del linguaggio del compositore.

 

 

Massimo Youth Orchestra

Massimo Youth Orchestra

È la formazione giovanile più recente della Fondazione Teatro Massimo. Costituita nel 2020 è rivolta ai giovani tra i 16 e i 23 anni e si configura come ideale proseguimento delle attività della Massimo Kids Orchestra.

Ha debuttato nel 2020 al Duomo di Monreale per uno spettacolo natalizio in streaming sotto la direzione di Michele De Luca.

Sempre in streaming, la Youth Orchestra ha suonato per il Concerto di Capodanno 2021, A New Year of Hope, insieme con le altre formazioni giovanili del Teatro Massimo.

 

Massimo Kids Orchestra

Massimo Kids Orchestra

È composta da oltre 120 giovanissimi a partire dall’età di 7 anni, che provengono dalle esperienze più diverse e con differenti percorsi di alfabetizzazione musicale alle spalle; con il supporto dei tutors dell’Orchestra del Teatro Massimo scoprono la musica e il senso di appartenenza alla comunità.

Ha già tenuto concerti al Teatro Massimo, allo Zen, al Chiostro della GAM, al Teatro Antico di Segesta, al Festival del Cinema di Taormina e al Duomo di Monreale, tra gli altri.

Di particolare rilievo nel 2018 la partecipazione all’Elisir di Danisinni e il debutto nella stagione concertistica del Teatro Massimo con Giovanni Sollima.

Nel 2019 ha preso parte al concerto di Capodanno Kids diretto da Michele De Luca, al concerto diretto da Gabriele Ferro con la violinista Anna Tifu ed a La Cenerentola di Danisinni, diretta da Michele De Luca.

Ha aperto il 2020 musicale del Teatro Massimo con il Concerto di Capodanno Kids. Anche nel 2023 il primo concerto dell’anno al Teatro Massimo è stato affidato a loro, insieme al Coro di voci bianche e alla Cantoria.

È diretta da Michele De Luca.

 

Michele De Luca

Michele De Luca
Direttore

Consegue il diploma di Trombone con il massimo dei voti presso il Conservatorio di Messina e il diploma superiore di musica presso la “Scuola di Alto Perfezionamento Musicale di Saluzzo” dove, oltre ai corsi ordinari di trombone, frequenta il quello di formazione per Direttori d’orchestra tenuto dai Maestri V. Garbarino e A. Ceccato, partecipando
alla masterclass tenuta da C. M. Giulini.

Contemporaneamente prosegue gli studi di direzione d’orchestra con J. Mezsaros e G. A. Gavazzeni. Studia presso la “Scuola di Paleografia e Filologia Musicale” di Cremona e si specializza in musica antica sotto la guida del trombettista americano E. H. Tarr.

Vincitore di audizione, ha collaborato regolarmente per nove anni come Primo Trombone con l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. È stato invitato ad esibirsi come solista da importanti Istituzioni tra le quali l’Orchestra Nazionale di Cracovia, la London Sinfonietta, l’Orchestra Nazionale dell’Accademia di Santa Cecilia.

Cinque le produzioni discografiche come solista. Ha collaborato per anni alla registrazione di colonne sonore per il cinema e ha registrato come solista, accompagnato dall’Orchestra Nazionale dell’Accademia di Santa Cecilia, la raccolta discografica Io, Ennio Morricone. Dal 1993 occupa il ruolo di Primo Trombone presso l’Orchestra della Fondazione Teatro Massimo di Palermo e dal 1996 è Direttore dell’Ensemble Ottoni e Percussioni nonché direttore delle formazioni orchestrali giovanili del Teatro Massimo di Palermo.

È Direttore artistico del Teatro Comunale “Giuseppe Lena” di Cammarata.

 

Giovan Battista Vaglica

Giovan Battista Vaglica
Organista

Laureato in Pianoforte, Organo e Composizione organistica si è dedicato alla scoperta e divulgazione della tradizione organaria siciliana nella quale ha al suo attivo diverse pubblicazioni, articoli e registrazioni.

Ispettore Onorario per gli strumenti antichi della Regione Siciliana presso la Sovrintendenza ai Beni Culturali della provincia di Palermo, ha collaborato con le botteghe organarie al restauro e alla ricostruzione di importanti strumenti storici come quelli della dinastia dei La Valle e dei La Grassa. È stato direttore dei lavori eseguiti sul monumentale organo della benedettina Basilica Abbaziale di S. Martino delle Scale, dove è organista titolare.

Ha curato il censimento del patrimonio di strumenti storici dell’Arcidiocesi di Monreale come componente della Commissione di Musica Sacra Si è esibito come organista in importanti manifestazioni, festival e stagioni musicali sia in Italia che all’Estero (Spagna, Germania, Svizzera, Finlandia).

Ha scoperto e favorito l’esecuzione di musiche vocali e strumentali di compositori operanti in Sicilia, ne è stato curatore nelle pubblicazioni a stampa ed interprete nelle registrazioni. Per le sue attività culturali e musicali ha ricevuto numerosi encomi.

È docente di Teoria Analisi e Composizione e Organo presso il Liceo musicale R. Margherita di Palermo.

È Direttore artistico del Festival organistico di San Martino delle Scale e della 50a edizione della Settimana di Musica Sacra di Monreale.

Il suo ultimo CD Antico Tastame (TACTUS, 2022) registrato su alcuni strumenti storici ha ottenuto ampi apprezzamenti

 

Cantoria del Teatro Massimo

Cantoria del Teatro Massimo di Palermo

Ultima nata tra le formazioni giovanili del Teatro Massimo, la Cantoria accoglie gli adolescenti che, al termine del percorso con il Coro di voci bianche del Teatro Massimo, desiderano continuare a far musica.

Ha già eseguito numerosi concerti per le stagioni del Teatro Massimo, anche nella sede estiva del Teatro di Verdura, e per associazioni e istituzioni della città, anche in occasione di rilevanti eventi istituzionali.

È diretta da Giuseppe Ricotta.

 

 

 

Giuseppe Ricotta

Giuseppe Ricotta
Maestro della cantoria del Teatro Massimo

Pianista, saxofonista e compositore, comincia a scrivere musica all’età di 13 anni. Si diploma in Pianoforte sotto la guida di Enza Vernuccio, in Composizione sotto la guida di Marco Betta e consegue la Laurea Magistrale in Didattica della musica con il massimo dei voti.

Partecipa al Corso di perfezionamento di Composizione di musica per film, presso l’Accademia Musicale Chigiana sotto la guida di Luis Bacalov.

Ha lavorato in qualità di pianista e di compositore per vari enti e fondazioni quali: Bozar Theatre di Bruxelles, Teatro Valle in Roma, Teatro Comunale di Bologna e Teatro Massimo, Orchestra sinfonica siciliana, Teatro Al Massimo e Teatro Finocchiaro di Palermo.

Nel 2016 vince il Concorso Internazionale di Composizione “2 Agosto” di Bologna, classificandosi al secondo posto. La sua musica è stata trasmessa su Rai Radio 3, Rai 5, Rai 3 e Rai 1.

Dal 2017 è Pianista accompagnatore per la Danza al Liceo “Regina Margherita” di Palermo. Dal 2018 maestro assistente del Coro di voci bianche del Teatro Massimo di Palermo, è attualmente Maestro della Cantoria del Massimo. Attivo in diversi ambiti della composizione, spazia dalla musica pop, classica e jazz alla musica per film, riunendo nel suo linguaggio musicale stili e tradizioni di variegata provenienza.

Le sue composizioni sono edite da Kelidon Edizioni, Cinik Record Edizioni, Gamma Musica Edizioni.

 

Coro di Voci Bianche del Teatro Massimo

Coro di Voci Bianche del Teatro Massimo di Palermo

Dalla sua fondazione il Coro di Voci Bianche ha regolarmente partecipato alle produzioni di opera, concerti e spettacoli per bambini del Teatro Massimo di Palermo, tra i quali Otello, Carmen, La bohème, Tosca, Turandot, Boris Godunov, Pagliacci, La damnation de Faust, Mefistofele, L’enfant et les sortilèges, Hänsel und Gretel, Re Ruggero, The Greek Passion, Feuersnot, Le streghe di Venezia di Philip Glass, Terza Sinfonia di Mahler, Carmina Burana, La nuit s’enfuit di Marco Betta (prima esecuzione assoluta), A Ceremony of Carols di Benjamin Britten, Alice nel paese delle meraviglie, Cenerentola.com, Scene da Bohème, Help Help the Globolinks, Werther, A Midsummer Night’s Dream.

Costituito da 70 elementi di età compresa tra gli 8 e i 15 anni, è diretto dal 2003 da Salvatore Punturo.

 

Salvatore Punturo

Salvatore Punturo
Maestro del Coro di Voci Bianche della Fondazione Teatro Massimo di Palermo

Nato a Palermo, si è diplomato con il massimo dei voti e la lode presso il Conservatorio di Palermo, dove ha proseguito, inoltre, gli studi di Composizione. Vincitore di numerosi premi in concorsi nazionali ed internazionali, si è distinto anche per la musica da camera, in duo con il fratello violinista. Ha perfezionato i suoi studi dapprima con Pier Narciso Masi e in seguito con Boris Petrushanskj, sotto la cui guida ha conseguito il Diploma Triennale di Alto perfezionamento presso l’Accademia Musicale di Trapani e la Menzione d’onore per l’Anno Accademico 1994.

Ha suonato per diverse associazioni musicali in Italia e all’estero, in Belgio, in Portogallo e negli Stati Uniti d’America.

Nel 1998 ha partecipato all’Operalaboratorio, in qualità di Maestro collaboratore/Pianista e al “Educational & Cultural Exchange Program” con la città di Detroit, svolgendo lezioni presso la Wayne State University e attività concertistica e teatrale con la Michigan Opera Theatre e il Rackham Symphony Choir di Detroit.

Dal 1998 al 2000 ha insegnato Pianoforte presso il Conservatorio di Musica di Horta e nei due anni successivi presso il Conservatorio di Madeira, dove ha inoltre ricoperto il ruolo di pianista accompagnatore per le classi di canto ed archi.

Tra il 2000 e il 2002 ha più volte collaborato con l’Orchestra Classica di Madeira. È stato chiamato come Pianista accompagnatore in occasione di corsi e masterclass tenuti da Grigori Zhislin e Zakhar Bron, oltrechè per varie masterclass di canto. Inoltre, è stato consigliere artistico e pianista ufficiale del Primo Concorso Internazionale di violino “Madeira Music”.

Nel corso dell’anno accademico 2011/2012 è stato Accompagnatore Pianistico della classe di Canto di Pietro Ballo presso il Conservatorio di di Trapani e, l’anno successivo, ha insegnato Lettura della Partitura presso il Conservatorio di Palermo.

Attualmente è Maestro del Coro presso la Fondazione Teatro Massimo di Palermo dove, da marzo 2003, è anche Maestro del Coro delle Voci Bianche.

 

Coro di Voci bianche Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana

Coro di Voci Bianche Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana

Nato nel 2009, ha debuttato al Duomo di Monreale per la 53ª Settimana Internazionale di Musica Sacra interpretando L’arca di Noè di Britten e Passaggi di Tempo di Kancheli con la partecipazione di Franco Battiato.

È stato poi impegnato a partire dalla stagione 2010/2011 nelle produzioni di Tosca, Il piccolo spazzacamino, Carmina Burana nonché negli annuali Concerti di Natale dal 2010 al 2022 e nei Concerti Disney 2012 e 2013.

Nel 2015 ha preso parte alla prima esecuzione del Canto della Santuzza di Lucina Lanzara e messo in scena nuovamente L’arca di Noé di Britten; nel 2016 Brundibár di Hans Kráza e Cenerentola Azzurro di Giovanni Sollima.

Nel 2017 interpreta La maschera di Virginio Zoccatelli, Scene da Pollicino di Hans Werner Henze, In the wood di Riccardo Scilipoti e per la Settimana di Musica Sacra di Monreale The Armed Man, a Mass for Peace di Karl Jenkins.

Nel 2018 è stato protagonista della prima assoluta dell’opera per ragazzi Il tenace soldatino di stagno di Marcello Biondolillo, della prima assoluta dello spettacolo Il bambino Giovanni Falcone di Giuseppe Mazzamuto e dell’opera di Nino Rota Lo scoiattolo in gamba.

È stato inoltre protagonista al Festino di Santa Rosalia e ha partecipato al concerto in Piazza Castelnuovo in occasione della visita di Papa Francesco a Palermo.

Nella stagione 2018/2019 ha preso parte a West Side Story di Bernstein, a Carnevale in danza e allo spettacolo Carillon, la scatola sonora con Salvo Piparo. Nel 2019 ha partecipato al Concerto per pubblico e orchestra di Nicola Campogrande. Dopo la lunga sosta causata dalla pandemia, il Coro ha ripreso l’attività con l’esecuzione nel mese di ottobre 2021 di un applauditissimo concerto al Duomo di Monreale in occasione della 63ma edizione della Settimana Internazionale di Musica Sacra.

Nel 2022 è stato tra i protagonisti dell’opera di Ermanno Wolf-Ferrari La vita nuova ed ha inaugurato, nel mese di giugno, la stagione estiva della Fondazione in Piazza Ruggiero Settimo nonché nel mese di ottobre ha partecipato alla 64ª edizione della Settimana Internazionale di Musica Sacra di Monreale.

Nel 2023 è impegnato nella nuova versione per coro di voci bianche della fiaba musicale Il sole di chi è? di Silvia Colasanti su testo di Roberto Piumini e in un concerto andato in scena al Politeama Garibaldi.

Il Coro di Voci Bianche della Fondazione è diretto da Riccardo Scilipoti.

 

Riccardo Scilipoti

Riccardo Scilipoti
Maestro del Coro di Voci Bianche della Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana

Diplomato in Pianoforte, Composizione e Direzione d’orchestra, si è laureato al DAMS di Bologna. Si è perfezionato in pianoforte con Lya de Barberiis ed in Direzione d’orchestra con Piero Bellugi ed Ennio Nicotra.

Vincitore di importanti concorsi pianistici nazionali e internazionali, ha al suo attivo numerosi concerti in Italia e all’estero.

Nel 1996 ha partecipato alla rassegna “Nuove Carriere”, organizzata dal Cidim/Unesco (Roma), eseguendo con l’Orchestra Sinfonica Siciliana il Concerto n. 1 per pianoforte e orchestra di Beethoven. In seguito ha collaborato con l’Ensemble Soni Ventorum e con il violoncellista e compositore Giovanni Sollima, esibendosi negli Stati Uniti, in Canada e presso alcune fra le più importanti istituzioni musicali italiane: la Fondazione Teatro Massimo di Palermo, l’Associazione Siciliana Amici della Musica, la Società del quartetto di Vicenza, l’Associazione Musicale Etnea di Catania, il Ravenna Festival, il Teatro Regio di Torino ed il Teatro San Carlo di Napoli. Inoltre ha collaborato con la RAI-Radio Televisione Italiana, la Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana, con il Teatro Biondo- Stabile di Palermo e con l’Ente Luglio Musicale Trapanese.

È stato vocal coach/piano trainer presso il Festspielhaus di Bregenz in Austria e presso il National Centre of Performing Arts di Pechino Ha diretto l’Orchestra del Teatro Massimo di Palermo e l’Orchestra Sinfonica Siciliana.

È pianista d’orchestra e Maestro del coro delle voci bianche della Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana, ed è docente di Lettura della Partitura presso il Conservatorio di Palermo.